Formazione 80!

Associazione Formazione 80

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Motive: sperimentazioni locali

E-mail Stampa PDF

Motive: sperimentazioni locali

 

I nostri Community Learning Champions stanno lavorando con degli allievi alla sperimentazione dei loro CREDO.

Diamo qui conto di quattro sperimentazioni locali realizzate  con la metodologia  del progetto Motive tra fine 2015 e primi mesi del 2016 a Torino.

 

1. Autovalutazione e ricerca del lavoro

Stefano sta realizzando un percorso per aiutare persone particolarmente fragili a elaborare un progetto realistico per la ricerca di un’occupazione. Il suo CREDO nasce dalla consapevolezza che molte persone a rischio di esclusione hanno difficoltà a cercare lavoro in modo efficace. Per questo motivo Stefano vuole sviluppare dei materiali utilizzabili in incontri formativi finalizzati alla ricerca attiva del lavoro. La principale difficoltà è innescare una riflessione realistica su se stessi, da parte dei soggetti di un percorso finalizzato alla motivazione e alla ricerca del lavoro, in modo da elaborare un profilo personale che tenga in conto tutte le caratteristiche e le abilità formalizzate e non formalizzate, maturate nell'esperienza.

2. Uno sguardo sul futuro

Anna è un’insegnante di italiano L2 in una associazione no/profit. Le sembra che l'insegnamento della lingua sia decisivo per favorire l'integrazione, ma che sia necessario anche altro. Nell’associazione in cui opera incontra mondi differenti, persone provenienti da diversi paesi ma accomunati da una situazione di spaesamento, dovuta non solo alla condizione di lontananza dal paese, ma alla mancanza di strumenti per interpretare e partecipare alla nuova realtà. Per questo motivo sta realizzando una serie di incontri formativi/informativi nel corso dei quali farà riflettere i partecipanti sul loro futuro e li stimolerà a fare un piano realistico per una migliore integrazione che non riguardi solamente la ricerca del lavoro e l’apprendimento della lingua ma si estenda anche ad ambiti  più personali quali la famiglia e le amicizie. Alla fine della sua sperimentazione farà una valutazione dell’impatto che avrà avuto.

3. Confronto intergenerazionale ed interculturale

Marina è un'insegnante in pensione e ha fondato e collabora con Zhisong (associazione socioculturale italo-cinese). E' particolarmente interessata alle problematiche specifiche vissute dai migranti giovani, dovuti all'incontro con una realtà culturale diversa dalla propria, e in una situazione famigliare spesso disgregata dall'immigrazione. Per questo ha elaborato il suo CREDO che sta ora sperimentando e consiste nel mettere a confronto, e fare interagire, generazioni diverse di persone, facendoli riflettere su analogie e differenze generazionali relative alla vita quotidiana, all'educazione, al rapporto con la tecnologia. La speranza/obiettivo è di innescare un percorso di confronto e arricchimento reciproco. Nella realizzazione del suo CREDO collaborerà con Silvano (altro Community Learning Champion formato dal progetto MOTIVE) che sta realizzando un percorso simile.

4. Confronto intergenerazionale ed interculturale: focus sui giovani

Silvano è un giovane insegnante e animatore sociale. Gli sembra che l'insegnamento della lingua sia importante per favorire l'integrazione, ma che sia necessario anche altro, soprattutto per quanto riguarda i giovani, che si trovano a dover affrontare anche problematiche specifiche, legate all'età (es. il bullismo). Nella struttura in cui lavora come animatore incontra  ragazzi spaesati, immersi in una realtà lontana dalla quella che hanno lasciato, con famiglie disperse dalla migrazione, e quindi spesso senza il supporto dell'esempio e dell'esperienza di figure adulte. Il suo CREDO, in fase di sperimentazione prevede una serie di incontri con dei giovani, immigrati e non, e farli discutere e tirar fuori quelle che sono le problematiche o le questioni che influenzano la loro vita quotidiana cercando di comprenderne le ragioni e trovare possibili soluzioni. In questo percorso lavorerà con Marina per costruire un confronto costruttivo con un gruppo di adulti proposti come interlocutori.

Nel frattempo altri CLC stanno perfezionando le loro idee e nel giro di breve tempo saranno in gradi passare all’azione sul campo.

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Settembre 2016 09:51